Raramente un uomo può influenzare un paese in tanti modi, Silvio Berlusconi è uno di essi. Il nostro paese ha avuto diverse persone alla guida, ma poche sono riuscite a lasciare impresso un marchio (per alcuni positivo, per altri meno) così come il Cavaliere.

Ex-primo ministro italiano, ha servito il paese per un periodo ben più lungo di altri politici. Oltre che una carriera brillante in politica, Silvio Berlusconi si è riconosciuto anche per le sue capacità imprenditoriali: una su tutte quella di Mediaset.

Nato da Luigi e Rosa Berlusconi nel 1936, Silvio ha vissuto i primi anni di vita in maniera molto ordinaria. Ho studiato giurisprudenza presso l’Università Statale di Milano, cosa che ha posto fondamento per la sua futura vita politica.

Molto prima di avventurarsi in politica, Berlusconi era noto come uomo d’affari, e in questo ha avuto grande successo.

La prima azienda da lui guidata fu la Cantieri Riuniti Milanesi SRL, nata nel 1961. Con questa impresa acquistò un terreno a Milano per 190 milioni di lire, in via Alciati.

Un vero successo fu la nascita dell’Edilnord nel 1968, società con la quale acquistò ben 712.000 metri quadrati di terreni a Segrate. Qui nascerà Milano Due, un’area che venne costruita partendo da modelli di sviluppo diversi da quelli usati, fino ad allora, nell’hinterland del milanese: ampi spazi verdi e un triplici sistema viario erano i punti di forza.

L’attività nel settore dell’edilizia di Silvio Berlusconi continua con grande successo, tanto che nel 1977 viene nominato Cavaliere del Lavoro.

Con la sentenza 202 della Corte Costituzionale, che apre le porte all’editoria televisiva, Berlusconi non perde il treno e rileva Telemilano, una TV via cavo che operava nella zona di Milano Due. Era il 1974. Due anni dopo questa società cambia nome e diventa Canale 5, ampliando anche il bacino di utenza da locale a nazionale. Le acquisizioni di Italia 1 e di Rete 4, negli anni seguenti, completano il palinsesto Mediaset come lo conosciamo prevalentemente oggi (solo prendendo in considerazione i canali principali).

Presente anche nel settore della grande distribuzione (con Standa), in quello finanziario (con Mediolanum) e in quello sportivo (è stato presidente del Milan dal 1986 al 2004 e ancora dal 2006 al 2008), non possiamo che dire che Berlusconi ha saputo vedere lungo in più di un settore. Non sono ovviamente mancate le critiche e i momenti difficili, ma la grandezza di una persona si vede anche dalla capacità di superare tali problematiche.